Andiamo in mostra Marzo 2016 MAXXI_Transformers_ChoiJeongHwa_ph.MusacchioIanniello_0137 - Roma, MUSEO DEL MAXXI 09 11 2015. ACQUISITION GALA DINNER in occasione della mostra TRANSFORMERS serata di fundraising per l’acquisizione di nuove opere per la collezione del MAXXI ©Musacchio & Ianniello Full view

Andiamo in mostra Marzo 2016

Transformers al MAXXI di Roma, fino al 28 Marzo 2016

Insieme al pubblico, quattro “transformer” provenienti da diverse parti del mondo, danno vita al MAXXI a una mostra visionaria e stimolante. Attraverso le opere dei quattro creatori, la realtà si trasforma in un’altra realtà, che accende la fantasia, stimola la riflessione, invita alla condivisione e all’esperienza, a vedere oltre. Tra i quattro artisti in mostra vogliamo segnalare  Choi Jeong-hwa, che con le sue rivisitazioni degli oggetti della vita quotidiana, che de-contestualizza e assembla in modo inedito ci conduce  in un mondo in cui la realtà si trasforma in immaginazione, in fantasia. Un ottimo esercizio di stretching per andare “più in la”, e cercare nuovi  modi interpretativi partendo da ciò che ci circonda. Nella foto Hubble Bubble, una foresta sospesa costituita da 3.000 scolapasta in cui lo spettatore si può inoltrare, perdere e ritrovare.

Simbolismo. Dalla Belle Époque alla Grande Guerra. Milano, Palazzo Reale, fino al 5 giugno 2016

anteprima-nuove-mostre-arte-cultura-2016-milano-mudec-palazzo-reale-fondazione-prada-hangar-bicocca-triennale-tiziana-leopizziUna mostra che vuole essere un grande omaggio alla belle Epoque, corrente dell’arte sensuale, dirompente e originale che trova i suoi principali interpreti in Segantini, James Ensor, Moreau, Redon e Bocklin. Il simbolismo, che la caratterizza, mira a penetrare la vera essenza delle cose affidandosi alla metafora e alla fantasia, per restituirle più vere, più intense. Visitarla ci aiuta a favorire l’avvicinamento alle emozioni autentiche e consente di vivere “un’esperienze di valore”.

Essere e non essere. Il mito del labirinto tra figurazione e astrattismo. Opere di Massimiliano Corsi. Firenze, Florence Dance Center fino al 4 Marzo 2016

42643-Il_labirinto_mixed_media_cm_92x207_2015-745891Con uno stile che mette in connubio fotografia e pittura l’autore ci porta alla scoperta del mito di Teseo e del Minotauro per scoprirne le risonanze al nostro interno. Oltre Amleto per avvicinarci a Don Chisciotte.