Fotografia: Nino Migliori Nino Migliori1 Full view

Fotografia: Nino Migliori

di Anna M. Corposanto

La foto “Il tuffatore” di Nino Migliori ci evoca il coraggio e la tensione necessari per “tuffarsi” in una visione che appassiona, e il sentirsi liberi di farne esperienza. La cronaca nel web ricorda che è stata scelta nel 2ooo dagli americani come simbolo per traghettarci verso il nuovo millennio.

Nino Migliori_tuffatore

Nino Migliori è considerato un vero architetto della visione. È nato il 1926 a Bologna, dove vive e lavora. Ogni sua produzione è frutto di un progetto preciso sul potere della visione, tema che ha caratterizzato tutta la sua produzione. La sua fotografia, dal 1948, sviluppa uno dei percorsi più interessanti della cultura d’immagine europea e le sue opere oggi sono conservate in importanti collezioni internazionali. Ma Nino Migliori è anche un esemplare formatore, per generosità e lucidità di obiettivi, per quell’invito a “sporcarsi le mani” nell’apprendimento (attingere alle humanities, diremmo noi), che vuol dire sperimentarsi e sperimentare, per contaminarsi e contaminare, specializzandosi così anche nelle abilità tecniche.

«…Sono sempre più convinto che, entrando nello specifico, sporcandosi le mani ed aumentando le nostre abilità, potremo creare per il futuro le condizioni per incrementare quel grado di formazione e di specializzazione che sempre più vengono richiesti in campo internazionale.»

Testo © Nino Migliori, (fonte http://www.photographers.it/articoli/ninomigliori.htm) pubblicato alle pagine 11 e 12 del libro edito dai tipi di Damiani Editore 
”I FUTURABILI corso di alfabetizzazione fotografica negli istituti comprensivi di Occhieppo e di Mongrado (Biella)”