Andiamo in mostra – Aprile 2016 miro-paesaggio-catalano-il-cacciatore-1923-24-moma-new-york Full view

Andiamo in mostra – Aprile 2016

Joan Mirò. La forza della materia. Milano, Mudec – Museo delle Culture, dal 24 marzo all’11 settembre 2016

La mostra di Mirò a Milano presenta questo artista poliedrico e vivace, che seppe spaziare dalla pittura alla ceramica, dalla scultura all’incisione, sottolineandone l’abilità di creare uno stile personale ma al contempo universale, con una comunicatività capace di travalicare le barriere nazionali, culturali e linguistiche, guadagnandosi una fama mondiale fino a tramutarlo in un vero e proprio mito della storia dell’arte.

Caravaggio Experience. Roma, Palazzo delle Esposizioni, fino al 3 Luglio 2016

CARAVAGGIO IMMERSIVE EXPERIENCE #06.jpgImponente video installazione originale e inedita, Caravaggio Experience ripercorre l’opera di Michelangelo Merisi da Caravaggio utilizzando un approccio contemporaneo all’opera d’arte. L’uso di un sofisticato sistema di multi-proiezione a grandissime dimensioni, combinato con musiche originali e fragranze olfattive, porta il visitatore a vivere un’esperienza unica sul piano sensoriale, attraverso una vera e propria “immersione” nell’arte del maestro del Seicento. L’obiettivo consiste nel dare la possibilità di osservare e conoscere in profondità l’opera di Caravaggio,  attraverso un flusso di emozioni frutto di un puro godimento sensoriale, contribuendo in tal senso ad avvicinare il pubblico, più e meno esperto, ai suoi lavori in modo assolutamente nuovo.

Edward Hopper. Bologna, Palazzo Fava Palazzo delle Esposizioni, fino al 24 Luglio 2016

hopperfulrOli, acquerelli, carboncini e gessetti dell’artista newyorkese Edward Hopper (1882 – 1967), uno dei pittori più influenti del Ventesimo secolo, famoso per i suoi ritratti della solitudine nella vita americana contemporanea. La mostra dà conto dell’intero arco temporale della produzione di Edward Hopper, dagli acquerelli parigini ai paesaggi e scorci cittadini degli anni ‘50 e ‘60, attraverso circa 60 opere tra cui i celebri capolavori South Carolina Morning (1955), Second Story Sunlight (1960), New York Interior (1921), Le Bistro or The Wine Shop (1909), Summer Interior (1909), interessantissimi studi (come lo studio per Girlie Show del 1941) che celebrano la mano di Hopper, superbo disegnatore: un percorso che attraversa la sua produzione e tutte le tecniche di un artista considerato oggi un grande classico della pittura del Novecento.

Simbolismo. Dalla Belle Époque alla Grande Guerra. Milano, Palazzo Reale, fino al 5 giugno 2016

anteprima-nuove-mostre-arte-cultura-2016-milano-mudec-palazzo-reale-fondazione-prada-hangar-bicocca-triennale-tiziana-leopizziUna mostra che vuole essere un grande omaggio alla belle Epoque, corrente dell’arte sensuale, dirompente e originale che trova i suoi principali interpreti in Segantini, James Ensor, Moreau, Redon e Bocklin. Il simbolismo, che la caratterizza, mira a penetrare la vera essenza delle cose affidandosi alla metafora e alla fantasia, per restituirle più vere, più intense. Visitarla ci aiuta a favorire l’avvicinamento alle emozioni autentiche e consente di vivere “un’esperienze di valore”.